torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Recensioni

Stefano di Lauro OperÈ

BESA Editrice. 13,00 €

Nuovi presidenti, nuove iniziative: lodevole quella della costruzione di pozzi d`acqua in Africa. Al `passaggio del martelletto`, rituale cambio di guardia, il Rotary club sente scorrere nuova linfa vitale per la notevole valenza artistica e organizzativa del neopresidente del “Rotary club Bitonto-Terre dell`olio” prof. G. Di Vella.
Giovane luminare della medicina legale italiana, docente universitario, il professore si definisce un “prammatico e sognatore” poiché coltiva, accanto ad interessi professionali e sociali, l`amore per l`arte nelle sue poliedriche manifestazioni (promette anche di esibirsi come batterista). La sua sensibilità, sin dalle adolescenti notti estive trascorse al Fortino, incontrava quella del regista, autore teatrale e video, compositore Stefano Di Lauro. Si è sentito questo intenso vibrare di corde durante la serata al chiaro di luna, svoltasi nella splendida cornice di Villa Romanazzi - Carducci a Bari. Di Lauro, ora anche scrittore, ha presentato il suo romanzo OperE` (Besa ed.,13 euro), l`attrice A. Garofalo ne ha recitato alcune pagine accompagnata dal trombettista G. Distante, la giornalista A. Gaeta ha posto alcuni interrogativi.animando la discussione.
OperE`è l`acronimo di Orfeo per Euridice, mitica storia d`amore tra il figlio di Apollo e la sua donna traslata nella realtà virtuale di un videogioco. Orfeo deve cercare, in cento secondi, di riportare in vita la sua amata: in palio, una crociera per due, e questo lascia supporre l`impossibilità della vincita, ma nel finale appare la targa - hai vinto la crociera - GAME OVER … e invece no, il gioco non è finito, c`è un OUT OUT, come sempre nella vita!
Perché Orfeo perde Euridice? Perché, nella leggenda, dopo essere sceso nel regno dei morti, aver convinto Cerbero e Caronte a rilasciare l`amata, poi infrange il divieto di voltarsi a guardarla? Nell`irrefrenabile desiderio di “mangiarsi”, di possedersi in ogni modo, gli amanti constatano l`incapacità, forse, di un amore disinteressato, sublime.
Lo scrittore, che nasce musicista per poi passare al teatro (come dire “dall`orecchio all`occhio”), crea una situation in cui Orfeo può utilizzare, nell`incontro con Euridice, solo l`udito e la vista. Dall`archetipo al villaggio globale; nell`epoca della dittatura dello schermo, della massificazione, lo scrittore ricerca un pensiero suscettibile di poesia in ambiti dove non ci si aspetterebbe di trovarne. Il nostro, con l`escamotage della terminologia virtuale combinata a quella medico-scientifica dischiude un`altra dimensione per rappresentare il conturbante groviglio amoroso. “… smania incontenibile di mischiare la carne, e mangiarsi. Non è una scopata, è un banchetto. Conosciamoci nella biopsia dei nostri poveri corpi, bisturi di unghie, denti, lingue introdotte fin nelle viscere tossiche come tubi endoscopici”.
C. Tiziana Lessa
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it