torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

Un De Caro per tutti …

L’Anci con il motto “SINDACI DI TUTTI” elegge de Caro nuovo presidente
Si è svolta dal 12 al 14 Ottobre l’assemblea annuale dell’Anci alla Fiera del Levante di Bari il cui congresso ha in primis eletto il nuovo Presidente. Esce Fassino, trombato Sindaco di Torino ed ecco il padrone di casa De Caro diventare colui che tirerà la giacchetta al Governo per ottenere quei fondi o quel potere che spetta a chi governa una città. E la presenza di Renzi e dei Ministri come di De Magistris ed Emiliano rende il clima surriscaldato… temi pre e post referendum per capire chi sarà il “nuovo Sindaco d’Italia”

“Sindaci di tutti” un titolo da post campagna elettorale, dove l’operato del primo cittadino vale anche per chi non l’ha votato, il congresso dell’Anci ribadisce quel rapporto di forza, come per la conferenza Stato Regioni, che dopo il Titolo II lo Stato ha iniziato con gli enti locali riconoscendo loro con il federalismo, autonomia e competenze.
Passaggio di competenze e quindi più o meno di risorse economiche (ed ovviamente i sindaci si lamentano del sempre meno) ritornato tra gli argomenti importanti del Referendum che vuole cambiare la Carta.
Ed oltre alla presenza di Renzi, che si trova nel pieno lavoro di una sempre chiacchierata legge di stabilità, di fare insomma conti e Bilancio, ecco farsi vedere le più alte cariche dello Stato, apre i lavori il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella poi il consiglio dei ministri con Angelino Alfano (Interni), Andrea Orlando (Giustizia), Enrico Costa (Affari regionali), Marianna Madia (Semplificazione e Pa), Graziano Delrio (Trasporti), Stefania Giannini (Istruzione), Giuliano Poletti (Lavoro e Politiche sociali), Beatrice Lorenzin (Salute), Maurizio Martina (Politiche agricole), Roberta Pinotti (Difesa), Carlo Calenda (Sviluppo economico), Gian Luca Galletti (Ambiente) oltre che il padrone di casa Emiliano mai molto amico di Renzi e sempre attento alle dinamiche interne del suo partito.
Gli stand del padiglione della Fiera sono colmi di aziende fornitrici di servizi “moderni” alle istituzioni come applicazioni per telefonini e pc per servizi ai cittadini fino alla promozione dello sport con impiantistica sportiva, Lega Calcio il Coni attraverso il mutuo sportivo per il finanziamento di strutture polisportive. Ed ecco arrivare il Presidente Malagò, l’ex capitana dell’Italia del Volley femminile la Marasi protagonista delle splendide stagioni del volley a Matera che promuove i progetti per i bambini.
Tra gli eventi collaterali De Caro festeggia la nuova nomina (criticata sui social come l’ennesimo “Titolo”) con un evento al Teatro Petruzzelli con Lino Banfi (in realtà canosino) a cui viene data la cittadinanza barese (in foto di Saverio Damiani).
I temi caldi sono guardacaso quelle competenze più onerose che lo Stato ha passato agli enti locali: le scuole che dalla strage di S. Giuliano di Puglia, guarda caso il magistrato che se ne occupò ora è sindaco di Modugno (Ba), sono argomento del mancato risanamento di strutture obsolete e non a norma, la sanità (e la legge di stabilità viene corretta eliminando i tagli inizialmente previsti) dove le Regioni tagliano ospedali qua e là, e quel territorio fatto di infrastrutture chiacchierate e mai fatte.
Vedi la Napoli Bari, i treni che non “vedono” il sud, la Tav che vede la Francia e al sud ancora si parla di Ponte sullo stretto dopo la vergogna che va ancora “inaugurata” (si perché avranno anche il coraggio di farlo) della Salerno Reggio Calabria.
La legge sui piccoli comuni il cui accorpamento vuole “sanare la burocrazia” mantenendo i servizi, l’abolizione di Equitalia e l’arrivo della rottamazione delle cartelle esattoriali con tanto di messaggino sul telefono per evitare spese di raccomandate sono gli argomenti più importanti rimbalzati sui Media.
E nel frattempo la Festa dei Sindaci finisce con tanta vetrina per Renzi ed il Referendum, con De Magistris che trova l’appoggio di Emiliano per l’alternativa di Governo allo stesso toscano confermando la tesi che essere stati ex Sindaci ed aver manovrato la macchina burocratica del proprio comune è sempre stato ottimo inizio per la scalata in Politica.
Chi sarà il prossimo sindaco… d’Italia che siederà a Palazzo Chigi?

Raimondo Cucciolla
Foto di Saverio Damiani
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it