torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

BERLUSCONI: I RISTORANTI SONO IN VENDITA !

Le solite inopportune dichiarazioni di Berlusconi che vede l’Italia di pochi…
La vita da nabatti, super-agiata, agevolata, politicizzata dei potenti (e di un infinito codazzo) che ci governano è alla base del loro disinteresse e della mancanza di azioni “giuste” per risolvere la crisi di Stato e di una Nazione.

Avevo risposto pochi giorni fa ad un amico che indignato si chiedeva come si poteva passare da sinistra a destra senza scrupoli, come Bondi, Cicchitto o Ferrara o come potevano comportarsi così nelle tante trasmissioni questo o quel parlamentare, difendendo a spada tratta il Nano Presidente. Silvio piccolo uomo, iper-inquisito, che ha visto condannati per i reati più vergognosi per un Primo Ministro come per qualunque imprenditore i suoi bracci destri e sinistri, come Dell’Utri e Previti o il fratello Paolo e che rimane attaccato alla poltrona raccontando barzellette sulla situazione economica in Italia anche lì dove il processo è all’Italia, alla nazione che lui governa con i piedi.
I soldi (e la gestione del potere) possono tutto e Berlusconi ed il suo modo di governare l’hanno ulteriormente confermato.
Comprare tutto per uso personale, uomini e voti in cambio di leggi per salvare i propri interessi, svendere ciò che è uso comune come una Nazione, è stato il modo di far politica più becero.
Ignobile sentire ancora gente comune rimpiangere i tempi socialisti in cui “la moneta girava”. Chi mangiava in quel periodo non valuta che stava mangiando assieme a chi ha scassinato le casse del nostro Stato provocando il debito pubblico che ci troviamo.
La mala politica Italiana è iniziata decenni fa con la Balena Bianca democristiana che conquistava e creava la burocrazia di partito, raccomandava e comandava gli Enti, fino a quella iper-tangentista e da Bere del socialismo Craxiano nella quale Berlusconi “nasceva”, fino all’ultimo decennio dove il Danaro e il Potere ha annientato ogni cultura del merito superata dal consumismo, tette al vento e bunga bunga. Ora va DISTRUTTA!
Ha imperato l’Emittenza Silvio avendo dall’altra parte una classe politica post comunista che adagiandosi su yacht e posti di sottocomando (come i sottomarini, potenti nascosti nel controllo delle migliaia degli Enti spartiti con il finto nemico ) con gli ultimi scampoli democristiani e socialisti e con l’autodistruzione dei “vecchi comunisti” sempre pronti a litigare tra loro per perdere consensi tanto da uscire dal parlamento italiano. Ha giocato senza avversari!

Il proprio benessere fa cambiare la visione del mondo se mai ne avesse avuta una “chiara e limpida” prima. Che gliene fotte a loro e a chi mangia con loro?
Provate ad immaginare il plotone dei privilegiati in Italia della sola politica (senza considerare le altre e tante caste). Ai 945 parlamentari italiani, agli oltre mille tra consiglieri regionali e parlamentari italiani in Europa o anche al codazzo di raccomandati portaborse, ai “consulenti” (un miliardo di € l’anno di spesa), alla burocrazia politica piazzata a gestire o girare i pollici nei 5000 enti, ai direttori dei giornali di partito sovvenzionati con milioni di € “Nostri”.
Con circa 200mila € l’anno di stipendio più i cosiddetti benefit, la loro vita è quella vostra o quella degli italiani che devono sopportare tutto questo e vivere alla giornata e con l’angoscia?
E’ quella delle decine di ristoratori, proprietari di locali pubblici ed attività commerciali frequentati dai “comuni mortali” da quel 97% degli italiani che non detiene il 90% della ricchezza italiana, che stanno licenziando, che a volte contano i clienti con una sola mano, che vogliono chiudere entro fine anno e che al sottoscritto che ne ha tanti di amici del settore, chiedono “mi trovi qualcuno che si compra il locale?”.
Sono a decine, in tutti i paesi di Bari e provincia, Bar, locali con esperienza decennale, trattorie, ristoranti, pub, la maggior parte in vendita ALTRO CHE RISTORANTI PIENI BERLUSCONI !


Lasciamo perdere gli insulti e chiediamo a coloro che hanno “tifato e votato” per il Nano cosa ha fatto! Si un politico si valuta per le leggi, per l’impostazione del suo Governo per le scelte FATTE.
Come finale processo Italiano, nel momento in cui tutto il Mondo ha processato Berlusconi e di conseguenza una nazione che non centra niente con il 18% (la percentuale effettiva degli aventi diritto che l’anno votato) di coloro che l’hanno votato, che non ha il suo modo di fare, che non ha sul groppone tutti i processi che ha questa “specie di Italiano”, chiediamo cosa ha fatto di buono? Perché bisogna allontanarsi da un tifo becero, da una “zona politica di appartenenza”, bisogna capire dove siamo arrivati e come ripartire!
Libri e articoli scritti in tutto il mondo raccontano da anni le Magre figure a livello internazionale, le leggi ad personam, gli scandali di Berlusconi, raccontano di un Parlamento nominato da lui, Bossi e i capi di partito con una legge elettorale Porcata e di nessun atto politico che abbia cambiato l’Italia, che abbia tagliato i costi dello Stato elefantiaco, di uno Stato che ha creato il Debito pubblico che non spetta ai cittadini pagare, ma che spetta alla politica sotto forma di responsabilità di tagliare i costi, i privilegi anche di altre caste che, ben rappresentate anche in Parlamento, hanno portato alla deriva finanziaria le casse dello Stato, inciuciando con una politica fatta da oligarchie partitocratiche.
Si, Berlusconi gli Italiani sono distanti da questa crisi per il solo fatto che non sono stati gli Italiani che lavorano onestamente tutti i giorni a provocarla. Perché gli italiani per bene si danno da fare, non hanno azioni in Borsa che fanno perdere parte del loro patrimonio, non hanno patrimoni non dichiarati o sui quali Lei non interviene.
Ma i licenziamenti, le aziende che chiudono, la totale mancanza di idee e azioni politiche per far rinascere la passione per il lavoro e il credo nelle nostre capacità di nazione creativa e laboriosa, rimasta attaccata e affondata con l’idea del posto fisso per raccomandazione o statale, sono tutte cose che stanno accadendo da anni e Lei oltre a Bunga Bunga e processi non si è interessato di altro. Idee liberali per riaprire il mercato vero del lavoro, dove sono?
Tagli seri per coprire il debito pubblico da un lato e creare occupazione dando serie scosse ad aziende e lavoratori dove sono? Sono lontane per Lei e per il Socio incassatore Bossi, lontane dal suo modo di vedere l’Italia.
Che non è il nostro, della maggior parte degli italiani che non solo voglio che lei vada via prima possibile, ma che vogliono, con una nuova legge elettorale, che insieme alla Sua Faccia spariscano per sempre le facce della politica degli ultimi 20 anni, quelli che dovevano cambiare l’Italia dopo Mani Pulite, da D’Alema con cui ha inciuciato sin dai primi anni 90 ai Fini e Casini. Per una politica che controlli meno, molto meno il Sistema Italia che deve riprendersi con l’energia e un nuovo pensiero del lavoro.
Dipendenti e imprenditori uniti per capire le strade giuste da percorrere per superare ogni problema e andare avanti e “campare” in questi anni che si preannunciano come i precedenti, grigi ma con orizzonti nuovi che nessun politico, nessun guru ci deve disegnare ma che dobbiamo costruire con le nostre menti, progettiamo e lavoriamo ruotando verso la concretezza di quella vita quotidiana che Noi conosciamo e che la “classe politica” non conosce chiusa nel suo Harem dorato. Spegniamo la Tv, spegniamo il tifo politico, accendiamo la mente e l’azione. Per una nuova Nazione.

Raimondo Cucciolla
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it