torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Recensioni

NADA: "ODIAVO LA MIA VOCE E MIA MADRE".

Nada ha ripresentato a Polignano a Mare, alla rassegna IL LIBRO POSSIBILE, il suo romanzo autobiografico IL MIO CUORE UMANO.
La popolare cantante era stata ospitata dalla manifestazione anche l`anno scorso , ma un inatteso nubifragio aveva interrotto la sua presenza sul palco dopo pochi minuti. NADA, impegnata attualmente nella registrazione di un disco che uscirà in autunno, ha detto: "DA BAMBINA NON VOLEVO FARE LA CANTANTE: ODIAVO LE LEZIONI DI CANTO: e, siccome a volermi far diventare famosa era MIA MADRE, le facevo mille dispetti, combinandogliele di tutti i colori ed esigendo vestiti costosi da acquistare nei migliori negozi di Livorno".
L`artista si è intrattenuta sul palco fumando ininterrottamente un`infinità di sigari. Indossava un abito-casacca che ricordava la stoffa dei sacchi postali; ai piedi sandali marroni BIRKENSTOCK. Un look riuscito, completato da capelli perfettamente curati, lunghi e lisci. La Malanima dimostrava molti anni meno ed è apparsa in splendida forma, fisica e mentale.
"QUANDO HO CONQUISTATO IL SUCCESSO HO VISSUTO UN PERIODO DEVASTANTE", ha confidato. "A salvarmi sono stati i valori inculcatimi dai miei genitori, di origine contadina. Mio padre era povero, ma sempre felice. Si accontentava di poco e apprezzava le cose semplici. Un tramonto, un bicchier di vino, una passeggiata nei campi".
Nada ha aggiunto: "mi è mancato l`affetto di mia madre: lei era una donna molto malata". Nel libro Nada rivela come la donna soffrisse di sbalzi d`umore e lunghi periodi di depressione, che la costringevano dei mesi a letto.
La piccola Nada cresceva "abbandonata", salvata soltanto dall`amore per i libri. Visitando la canonica del paese, scoprì un`infinità di volumi, polverosi e trascurati. Iniziò a leggere: e per lei fu la scoperta di un mondo sconosciuto e bellissimo".
"I MIEI PENSAVANO FOSSI MALATA". La cantante ha detto che dal libro verrà tratto un film, diretto da una giovane regista che ne ha già fatto un documentario televisivo, andato in onda in Rai.
Il nome della regista, entusiasta e motivata, è COSTANZA QUATRIGLIO.
Nada si è dimostrata ammirata dalla Puglia e dal calore della gente, che la ferma dimostrandole affetto e genuinità sincera.
"Conserverò questi bei ricordi per quando sarò triste. Mi aiuteranno a reagire e ad essere forte nelle difficoltà"` ha concluso Nada.

ROMOLO RICAPITO
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it