torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

Multiamo chi sporca...

a Bari cittadini sporcaccioni multati?!
Le cose in Italia vanno molto lentamente. Specie quando di mezzo ci sono le istituzioni. Immaginate gli appalti e ragionate sull’aumento delle tariffe autostradali con l’introduzione del pagamento anche sulla Salerno-Reggio Calabria, pessimo esempio di appalti mafiosi di Stato e interminabili lavori.
Ma a volte c`è qualcuno che decide e come capita a molti sindaci con l`autonomia raggiunta....ecco la notizia di ieri!
Il Sindaco di Bari, Michele Emiliano, in concomitanza con la consegna della tassa dei rifiuti, nelle case dei baresi, DICHIARA GUERRA AGLI SPORCACCIONI.
30 Spazzini, pardon “professionisti” ecologici, potranno multare i baresi per imbrattamento della città!
Questo l`annuncio di Emiliano!
Ma perché non i vigili urbani? L’operatore ecologico deve pulire, sicuramente magari ricordando al cittadino i suoi doveri ma multare con gli operatori ecologici penso sia eccessivo.
I vigili sono tanti ed invece sono lì per anche questo, non solo per le doppie file.
Questa è l’unica critica propositiva al Sindaco Emiliano con cui ci complimentiamo perché finalmente mette una nostra idea, già suggerita due volte negli ultimi 10 anni.
Mediante EQUITALIA che di per se, con il nome che porta, dichiara le ineguaglianze italiche e che devi pagare tasse, quindi i baresi in questi giorni hanno ricevuto il calcolo di quanti soldi devono versare per contribuire alla pulizia della propria città, nel periodo in cui le tasse locali con i tagli statali sono molto d’attualità critica.
Potrebbero pagare di meno? Potrebbe l’Amiu come le altre municipalizzate (cosa che già succede in altre città d’Italia) essere fonte di guadagno e non solo spesa per pagare il carrozzone di dipendenti creato negli ultimi decenni?
L’ultima campagna di comunicazione della municipalizzata barese parlava del tentativo di raggiungere il 50% della raccolta differenziata.
Si può sicuramente fare molto altro e saremo a breve, ma questa volta con progettino protocollato all’Amiu, Assessore Competente e Sindaco, a suggerire altre mosse per conferire più differenziata QUOTIDIANAMENTE.
Noi che puntualmente consegniamo alle istituzioni i nostri giornali, sono anni che CONSIGLIAMO per educare i BARESI DI MULTARLI quando buttano per terra carte, cicche, il pomodoro della focaccia.
Come Editori non ci siamo permessi, finora di promuovere campagne di comunicazione ma come ci piace fare abbiamo lanciato l’idea. Un’idea sociale va solo realizzata per il bene di tutti, basta che il politico o assessore di turno decide di metterla in pratica.
Così vi riportiamo alla seconda nostra campagna di sensibilizzazione datata Luglio 2007 (la prima risale al 2002 all’interno di una mostra itinerante effettuata a Bari vecchia) “Multiamo chi sporca”. Multiamo chi sporca. Campagna di sensibilizzazione 2007
E allora che ne pensate? Liberate i vostri commenti su face book (contatto Testi&Umori) oppure inviando la vostra a info@testieumori.it.
Raimondo Cucciolla
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it