torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

In PRIMA LINEA con PIERO RICCA!!

Ha gridato “fatti processare” a Berlusconi, ne ha dette di “verità” a D`Alema, Veltroni, Dell`Utri, Confalonieri, Fede, Vespa, Carfagna a tutti i politici con qualche scheletro nell`armadio “in maniera bipartisan”.

Gran riscontro di pubblico e incoraggiamenti comuni ad andare avanti contro l`immortalità della politica e della società corrotta.

Piero Ricca ha fatto una tre giorni in Puglia invitato a presentare il suo libro che è l`emblema del suo credo, di ciò che intende trasmettere. Alza la testa.
Veltroni, Feltri, Fede, Vespa, Carfagna, Dell`Utri, Berlusconi, Andreotti, Fini, Confalonieri, Fitto, tanti sono i politici che si sono dovuti imbattere nelle verità scomode, raccontate con dovizia di particolari da questo giornalista indipendente che ovviamente non trova spazio nei media “comuni”.
Il suo blog (www.pieroricca.org) è colmo di video dei suoi raid. Durante conferenze, davanti al Parlamento, Piero ha sempre affrontato di petto i nostri “dipendenti” come piace dire a Beppe Grillo. Cerchiamo di analizzare gli argomenti di Ricca nella conferenza tenuta a Crispiano, nella provincia “inquinata” di Taranto, organizzata dalla tenace Gabriella Bonino, già fautrice di una lista civica.
L`Italia che 17 anni dopo Mani Pulite è peggiorata, è ancor più figlia della corruzione degli interessi “totali e paralizzanti” della politica, vive su di una illegalità sistematica. E` trasparente solo il malaffare, il potere traversale in una restaurazione mediatica che riduce la politica in affare, anzi in affari tanti, troppi.
Con la società che si lascia corrompere con il voto di scambio, dove la Magistratura viene “etichettata come rossa” per la teoria Berlusconiana del Comunismo. Tutto cambia volto, anche le parole cambiano significato. Giustizialista (termine derivante dall`Argentina anni `50 di Peron) diventa accusa alla Giustizia di farsi gli affari della politica, di fermare colui o coloro che non devono essere fermati. I politici appunto, che godono di immunità di fatto e se non bastasse si costruiscono leggi ad hoc. Si truccano anche i numeri.
I sondaggi pro- Berlusconi parlano del 70-80% di gradimento
quando calcolando astensionismo e schede annullate Silvio ha ottenuto il 23% dei voti. I poteri così più che essere separati vengono a confronto-scontro con un controllo della politica pressoché assoluto. Un parlamento che non legifera con discussioni interne, ma che approva decreti legge, blindati da “fiducie” di un governo che costringe i suoi “prescelti” a seguire i dettati di pochi. I grandi Capi.
Un paese che così non conosce la decenza. Dove il serio limite è essere persone per bene. Se non sei ricattabile non fai politica, non poi andare avanti nella società e nel mondo del lavoro iper-controllato dal potere politico.
Il grido di reazione, d`orgoglio, qual è? Fare politica nel quotidiano, indignarsi contro la passività di tanti, farli svegliare raccontando e costruendo una nuova identità. Che potrà ritornare utile quando, e sembra arrivato il momento, tutto questo sistema crollerà con le stesse sue mani. Una società che deve interagire con consapevolezza, controllare la politica il cui potere sembra intaccabile ed essere di traino per il popolo che deve “alzare la testa”. E nel dibattito interviene tanta gente, ognuno con il suo torto subito.
Come giovane laureato che si è visto superare nel bando pubblico per “6 posti al comune” da 3 diplomati, è uno dei tanti esempi di una meritocrazia che viene calpestata. Con un esame in cui un colloquio, magari a porte chiuse, fa prendere più punti al raccomandato che conosce e saluta i potenti locali. I titoli preferenziali non servono più. Serve più essere raccomandati.
Non rubare, essere liberi, essere educati, avere decoro per il bene comune, diventa essenziale, nel delirio di una società in cui l`immagine è tutto, un`immagine deturpata dagli interessi, dal soldo facile, dalla mancanza di etica, di onestà.
Raimondo Cucciolla
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it