torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

TERMOMETRO ELETTORALE

Da sinistra al centro finendo alla Destra cerchiamo di capire le temperature percentuali, leggendo nelle liste i “sicuri” sistemati dalle nomenclature dei partiti. Ad oggi con le liste presentate i partiti hanno deciso con un margine di errore minimo del 5-10% chi saranno i 945 eletti tra Camera e Senato. Vediamo alcuni nomi noti… e meno noti.

La Sinistra l`ARCOBALENO – Bertinotti 8-10%
Bertinotti premier, Vendola in Puglia rinuncia e viene piazzato Pecoraro Scanio impresentabile…in Campania.
CAMERA: il verde più sporco del mondo, Pecoraro Scanio, viene dirottato in Puglia perché impresentabile, specie da capolista, nella sua Campania. Secondo in Puglia il trentenne coordinatore regionale di Rifondazione Fratoianni. Poi un`altra trentenne e quarto l`uscente Napolitano (già Sindaco di Bisceglie)
SENATO: Folena capolista in Puglia
Trombati: in che posizione è stato messo Diliberto? E dove? A breve scopriremo gli eletti “certi” rossi.

PD – Veltroni 30-35%
60 pagine ben più snello di quello di prodi (un sedicesimo) il programma di Veltroni che come Berlusconi mette sul piatto elettorale 12 punti da portare al primo consiglio dei ministri. Ma riuscirà il nuovo eroe del centro-sinistra a vincere questa campagna elettorale impossibile? Alcuni figli di, la Finocchiaro per la Regione Sicilia, RUTELLI Sindaco a ROMA dai 9 garantiti sembra solo 6 radicali sono eleggibili (non la moglie di Coscioni)

CAMERA: D’ALEMA capolista in Puglia, Veltroni secondo in Lombardia, Lazio 1, Campania 2 e Sicilia 2, Parisi capolista in Sardegna, la Merloni nelle Marche, Calearo l’industriale tanto criticato capolista in Veneto, Matteo Colaninno in Lombardia, la Finocchiaro capolista in Emilia Romagna.
SENATO: Il dalemiano Latorre capolista in Basilicata, Marini nel Lazio, Lumia in Sicilia, De Sena in Calabria, Achille Serra terzo in Toscana, Emma Bonino capolista in Piemonte, Veronesi l’onocologo capolista in Lombardia.
Trombati: CALDAROLA sempre blindato nei listini ora è tagliato fuori oltre all’ottantenne De Mita scappato nei partiti di centro.
Ritirati dalla scena politica oltre a Prodi, Amato e il tanto criticato (il vampiro delle tasse) Visco.

IDV DI PIETRO 4-6%
Tonino ha una base elettorale che si è ingrossata negli ultimi tempi. L’accordo con il Pd è una sicurezza contro i problemi di sbarramento al Senato. De Magistris è stato sacrificato mentre i Grillini non sono contenti per l’apparentamento con il Pd. Beppe ha duramente apostrofato. Ma alcune liste civiche (quella nazionale con Alagna porta Pancho Pardi capolista in Toscana) e qualche candidato della società civile sarà un canale di voti tutto da calcolare in più alla base del 4% fedele all’ex magistrato.

CAMERA: in Puglia Di Pietro è capolista (ma sceglierà il seggio del suo Molise) e quindi il sicuro diventa il coordinatore regionale in monopolitano Dr. Zazzera, noto per il gran chiasso in Regione sul caso Tedesco.
L’uscente Pisicchio terzo in lista, entrato da aggregato poco prima delle ultime elezioni, deve portare molti voti per sperare che all’Idv pugliese scatti un altro seggio.
SENATO: BELISARIO capolista in Puglia, caforio,
Sondiamo le posizione degli ex parlamentari la bella Mura, Formisano, Donati, Orlando e gli altri.
Ritirata Franca Rame

Radicali… con i socialisti?
ìPannella viene visto come Preistoria geriatrica della brillante attività politica radicale e cerca all’ultimora un accordo con i socialisti per provare a far eleggere qualcun altro dei radicali non accettati dal PD
CAMERA:
SENATO:

Sdi. Boselli 2-4%
Boselli fratello disconosciuto da Veltroni si appresta ad andare da solo. Forse becca qualche onorevole ma al Senato senza accordi non supera l’8% nemmeno per miracolo.
CAMERA:
SENATO:

2% Rosa bianca
cattolica ma sensuale solo baccini e tabacchini
CAMERA: SENATO: 4% UDC
Casini ha perso pezzi da Giovanardi (con Il Popolo di Berlusconi), Tabacci e Baccini della Rosa ma si è tenuto Cuffaro in Sicilia e si ritrova Adornato e . Ora deve convincere, passando per sentenze al Tribunale dove Buttiglione si gioca lo scudo crociato con Pizza che ha vinto la causa per il simbolo. Yoghi Buttiglione ha fatto ricorso e se non lo vince? Casini deve rifare marchio e manifesti. Il costo di riunire il centro per essere l’ago della Bilancia con la Chiesa alle spalle è alto.
CAMERA: Casini capolista in tutte le circoscrizioni. Cesa e il pugliese Greco nipote dei Matarrese sicuri blindati.
SENATO: Buttiglione certo capolista in Piemonte.
Ritirati: Mele per colpa delle pere non Cuffaro per colpa dei cannoli.

MpA Movimento per le Autonomie 1%
Lombardo FA IL BINGO. Candidatura blindatissima in Sicilia a Presidente della Regione. Della serie parte con 10 punti di vantaggio contro la sinistra. In Tutt’Italia fa lista a parte sperando in qualche seggio al sud.
CAMERA:
SENATO:
Trattative:
Tommaso Barbato, ex Udeur, autore dello sputo a Cusumano (il “traditore”), sta ancora valutando la possibilità di candidarsi con il Movimento per le Autonomie (Mpa) in Sicilia. Afferma: “Sto cercando di vedere chi sono gli altri nomi che verranno presentati”.

Udeur Mastella – 0%
Ritirato e non pervenuto. Invece di perdere sicuro non si candida proprio. Un giro di pausa per lui. Avrebbero potuto farlo tanti altri.

Il POPOLO delle Libertà - Berlusconi 40-45%
Forza italia, AN, più tanti piccoli fagocitati con garanzie di qualche seggio come i PENSIONATI+ liberalDINI, Mussolini, repubblicani. Vincente la scelta di far candidare un rappresentante sindacale di ogni settore merceologico commerciale. Tante critiche per Ciarrapico…fascista!? Ma va?! E la Mussolini e qualche Buontempone di An che sono? Non rinnegano sicuro tra gli amici.
CAMERA: I due super capolisti ovunque primi e secondi sono Berlusconi e Fini. Il Commissario Ue Frattini capolista in Friuli venezia Giulia, la ex sciatrice Di Centa in Trentino, la rossa Brambilla terza in Emilia, il Generale dello scandalo Finanza terzo in Umbria
SENATO: capolisti: Pisanu in Sardegna, Nitto Palma in Calabria, Schifani in Sicilia, Pera nel Lazio, Formigoni in Lombardia,
Personaggi:
Nino Strano, An, ormai noto come “er mortadella” - dopo il celebre boccone di mortadella alla caduta del governo Prodi – sarà ricandidato al Senato nelle liste del Pdl in Sicilia. Una posizione che renderà difficile la sua rielezione, trovandosi 14° in graduatoria. Commenta in silenzio:”Faccio quello che vuole Fini”.
Domenico Gramazio, An, colui che stappò la bottiglia di champagne in “ossequio” al governo uscente, pagherà – per così dire – questo episodio di malcostume, venendo ricandidato per Palazzo Madama nel Lazio ma in una posizione che né renderà improbabile un suo ritorno.

LEGA Bossi 4-6%
lombardia, veneto, liguria,
CAMERA: sicuri Maroni, Calderoli,
SENATO: Bossi in Piemonte, Castelli in Lombardia.

La Destra – FN Santanchè 1-2 % -
Santanchè lanciata alla presidenza della provincia di Roma è anche capolista Lazio

CAMERA: Storace nel suo Lazio, in Puglia l’ex Sindaco di Foggia Agostinacchio
SENATO: Tatò in Puglia...

Alcuni Candidati Pd

Umberto Veronesi,
scienziato e medico attivo nella ricerca sulla prevenzione e la cura del cancro.

Achille Serra,
ex-prefetto di Roma.

Matteo Colaninno,
presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria

Antonio Boccuzzi,
il "sopravvissuto della ThyssenKrupp"

Franca Biondelli,
dipendente di una Asl piemontese

Loredana Ilardi,
operatrice di Call Center di Palermo, precaria, guadagna 700 euro al mese

Marianna Madia
presentata da Veltroni la settimana scorsa come capolista al Lazio 1. Marianna, 27 anni, "economista" laureata in scienze politiche, un posto di ricerca all`Arel e di conduttrice ad eCubo (trasmissione di Minoli), figlia di un attore scomparso amico del segretario del Pd, ex fidanzata del figlio del Presidente Napoletano

Paola Concia,
presidente dell`Agensport Lazio, da anni impegnata nelle battaglie per i diritti lgbt con il movimento gayleft vicino ai Ds.

Linda Lanzillotta (Lombardia)
ex-ministro degli affari regionali nel governo Prodi.

Pietro Ichino (Lombardia)
sindacalista, docente universitario e giornalista

Massimo Calearo (Veneto)
imprenditore e presidente dell’omonimo gruppo industriale

Giovanni Bachelet (lazio)
presidente dell’Associazione Culturale “Il Sentiero della Libertà/Freedom Trail”, figlio di Vittorio, assassinato dalle Brigate Rosse nel febbraio 1980, è docente di Fisica all’Università “La Sapienza” di Roma.

Enzo Carra (Sicilia)
Giornalista professionista, durante Mani Pulite venne arrestato per "false o reticenti dichiarazioni al pm": accusato di non voler rivelare i particolari di una tangente Enimont alla Democrazia Cristiana. Ha militato nella Democrazia Cristiana e nella Margherita.

Alcuni candidati Pdl:

Giuseppe Ciarrapico:
imprenditore, è stato proprietario delle terme di Fiuggi, ex presidente della Roma calcio (incarico poi abbandonato dopo l’arresto con l’accusa di bancarotta fraudolenta), è ora a capo di una catena di giornali locali. Esordisce dicendo: "Non rinnego il fascismo ma vado con Silvio".

Santo Versace:
Presidente e amministratore delegato, nonché azionista della Gianni Versace S.p.A.

Luca D’Alessandro:
Capo ufficio stampa di Forza Italia e portavoce di Sandro Bondi.

Giuseppe Moles:
Portavoce di Antonio Martino

Maurizio Del Tenno:
Presidente giovani Confcommercio

Vendemmiano Sartor:
Presidente Confartigianato del Veneto

Ettore Riello:
imprenditore, cugino del più noto Andrea Riello, il presidente della Riello Sistemi.

Elisa Alloro:
Conduttrice di TeleLombardia.

Manuela Di Centa:
Ex-sciatrice nordica, campionessa olimpionica di sci di fondo.

Giancarlo Lehner:
Giornalista per il Giornale e scrittore.

Melania Rizzoli:
Medico chirurgo, nonchè moglie di Angelo Rizzoli, l’ex-editore che figurava nelle liste della loggia P2.

Diana De Feo:
Giornalista della redazione cultura del Tg1, nonché moglie del direttore del Tg4 Emilio Fede.

Gabriella Giammanco:
Giovane giornalista del Tg4.

Raffaello Vignali:
Presidente della Compagnia delle Opere.

Carlo Mazzuca:
ex-direttore del Resto del Carlino.

Vincenzo Speziali:
calabrese, industriale del cemento ed ex-presidente di Confindustria Catanzaro.

Lella Golfo:
presidente della Fondazione Bellisario.

Souad Sbai:
Presidente Associazione Donne Marocchine

Gianfranco Paglia:
Capitano dell’Esercito, Medaglia d’oro al valor militare, costretto su una sedia a rotelle dopo un attentato subito in Somalia nel 1993.

Franco Frattini:
Vicepresidente della Commissione Europea, ex-ministro agli affari esteri nel governo Berlusconi II

Beatrice Lorenzin:
Responsabile giovani Forza Italia

a cura di Raimondo Cucciolla e Giuseppe Lopez
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it