torna alla homepage

LAVORO / MILLIARDAIRE

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE

KE PERSONAGGIO

CRITICHI'

RECENSIONI

SPORTIVO&DISINVOLTO

CARTOLINE DAL MONDO

LINK


BARANIA
 
- cittadini
 
- istituzioni
 

 


Okkio che notizia

Agricoltura e ambiente i ministeri rispondono...

Durante la FIera del Levante abbiamo incontrato il Ministro dell`Agricoltura e il sottosegretario all`ambiente. Ecco le interviste:

Ministro delle politiche agricole PAOLO DE CASTRO

Il Taglio delle spese richiesto dal governo. Lei è stato tra i Ministri che più hanno tagliato…
Io sono stato tra quelli più virtuosi, così mi hanno chiamato nell’ultimo consiglio dei ministri.

Negli anni i Soldi per l’agricoltura sono stati dati a pioggia. Ora per spingere meglio i prodotti italiano all’estero ha previsto collaborazioni con altri ministeri, cultura turismo…?
Assolutamente, per esempio sul turismo con il ministro Rutelli abbiamo messo su, un piano per lo sviluppo della collaborazione tra i territori rurali e la cultura. C’è un interessante idea di valorizzare le vie religiose, come la via Francigena e far si che in quelle occasioni in questa valorizzazione ci sia anche la valorizzazione dei prodotti tipici che i pellegrini così passando possono approfittare di quest’altra conoscenza. E’ esattamente l’idea che hanno avuto gli spagnoli con Santiago di Compostela.

MARCHETTI – sottosegretario all’ambiente
On . Marchetti prima in Puglia (ass. ambiente provincia di Bari) ed ora al Ministero dell’ambiente vista la sua esperienza e ruolo quali priorità ha il Ministero.. per esempio per le biomasse?
Per le biomasse dobbiamo verificare se sono energie alternative. Dipende. Intanto ci sono una serie di problemi etici, segnalati non dai no-global ma uno degli ultimi comitati scientifici dell’Onu che ricorda che la terra, soprattutto quando tanta gente muore di fame, è fatta per fornire cibo e non energia. Altri problemi etici derivanti dal fatto che se si tira fuori energia della vita stessa oggi la togliamo dalle piante domani dagli animale dopodomani forse anche dai lavavetri…
I lavavetri… i maratoneti dell’energia?
E poi le biomasse, era anche il tema di ieri della conferenza sul clima, provocano dal punto di vista delle emissioni dei danni non ancora sufficientemente provati e quindi non virtuosi.

Termovalorizzatori. Trovati metalli pesanti in prodotti alimentari di moltissime aziende. Uno studio di scienziati amici di Beppe Grillo quasi censurato…
Beppe Grillo è un amore mi fa ridere. Ma prima di Grillo la stessa commissione europea ha classificato i termovalorizzatori nella categoria A, dell’industria pesante ad alto rischio. Per installare un impianto di termovalorizzazione ci vuole un processo istruttorio lunghissimo che dimostra come il termovalorizzatore è assolutamente pericoloso per la salute e per l’ambiente.
Come può una grande azienda riuscire a divincolarsi dai controlli competenti, aziende come Barilla, la Plasmon?
Una della proposte più belle del pensiero ecologista è il globale locale, il glocale. Una prospettiva di governo globale dei processi, ma anche un ripensamento di quanto il locale possa fare e l’agricoltura dal punto di vista del locale può fare tantissimo. Io ho la delega alla certificazione dei prodotti, i marchi di qualità dati all’agricoltura locale, con le tecniche locali, con i processi di controllo a vicinanza, possono impedire tutti quei rischi di inquinamento dei cibi che le multinazionali forse non possono o vogliono controllare.
Al posto del petrolio, auto elettriche e ad idrogeno, gli stati, i governi, cosa possono fare?
Il petrolio prima di tutto finisce. Ne abbiamo per altri 15 anni, poi potremo continuare la guerra infinita permanente… ma il petrolio finisce.
Quindi ci dobbiamo svegliate. I governi devono pensare a nuove forme di energia, investire nella ricerca, perché le forme attuali sono avanzate ma non sono definitive ma soprattutto praticare l’unica vera forma di energia possibile, il risparmio energetico.
Basta con gli ecoincentivi per le auto a benzina o diesel
Basta con questo stile di vita che ci da tanti oggetti ma non la felicità, anche questa è un avvicinarsi al protocollo di Kyoto.
La felicità è uno stile di vita non è una meta.
 




SCHERZI

PUBBLICITA' REGRESSO

KE PERSONAGGIO

NEWS dagli INVIATI

OROSCOPAZZO

LOVE ABBOTT

 

 



Proarts


 
info@testieumori.it